23.1 C
Livorno
Home Articoli TRE GIORNI DI SATIRA BENEDETTA

L'editoriale - Senza peli sulla lingua

TRE GIORNI DI SATIRA BENEDETTA

di Mario Cardinali

Ma davvero pensavate che non potesse infine cambiar davvero nulla, in questo nostro spaesato paese dove tanta gente s’è ridotta addirittura a votare i fascisti pur di veder cambiare qualcosa per davvero, foss’anche il solo colore della camicia?

  Davvero credevate d’esser condannati al solito immutabile trantran, in questa terra dove alle tradizionali alluvioni succedono ora gli uragani in procinto di diventar tradizionali anch’essi ma si continua imperterriti a cementificare ogni residuo spazio utile alla prosperità d’una speculazione edilizia definita selvaggia ma che di selvaggio ha solo l’istituzionale assalto alla borsa dei semplici cittadini, pari pari come nella speculazione sul carovita e in ogni altra speculazione sulla pubblica credulità dovunque e comunque eccitata da messaggi pubblicitari divenuti mantra idiotizzanti sempre più massivi?

  Davvero v’eravate rassegnati agl’interessi d’un capitalismo sempre più irrimediabilmente coinvolgente uomini di politica e di legge, d’industria e di commercio, di cultura e d’intrattenimento, di sport e di giornalismo, di mafie e camarille d’ogni tipo?

  Davvero insomma non vi sfiorava la speranza che un giorno da qualche parte qualcosa potesse incominciare a cambiare, a infrangere il muro delle convenienze?

  E invece no, quel giorno è arrivato, infine. Tre giorni, anzi. I tre giorni d’un Festival di satira e d’umorismo  che han portato a Livorno un po’ di noti nomi di stampa, talkshow e altre pubbliche esibizioni. A Livorno, badate bene, città tradizionalmente nota come terra d’anarchici e di mangiapreti, di dissacratori e d’anticonformisti, di ribelli comunque ad ogni disciplina. Gentaccia irrispettosa d’usi e di convenienze, addirittura lettori d’un giornalaccio come il Vernacoliere, che già basta dirne il nome e vedi più d’uno farsi il segno della croce.

  E in questa città definita addirittura capitale della satira da quando vi è esploso proprio questo fogliaccio becero ed osceno, a far bandiera d’uno spirito critico che non porta rispetto a nessuno, e tanto meno ai preti e specialmente se dediti alla pedofilia, proprio qui un prete è arrivato infine a cambiar musica e sistema, invitato a inaugurare i tre giorni della satirica rassegna con una benedizione d’ordine religioso e istituzionale, pur se impartita in collegamento video.

  E mica la benedizione d’un pretino qualunque, o al massimo del vescovo locale, che pur pisano ci dicono lettore anch’egli del Vernacoliere, omnia munda mundis come si suol dire.

  No no, gli organizzatori del Festival (“Fondazione Livorno” col locale Comune, anche se c’è da dubitare d’un loro diretto coinvolgimento in cotanto evento, degno certo di ben più raffinate e rivoluzionarie menti) hanno affidato la benedizione addirittura a un porporato, nientemeno che il cardinale Matteo Maria Zuppi, arcivescovo metropolita di Bologna e presidente della Conferenza Episcopale Italiana.

  Il quale, benedicendo la satira dell’innovativo Festival, ha detto, come leggiamo dalla stampa locale (noi ahimè non c’eravamo alla rispettosa genuflessione): «La satira va bene, a patto che non offenda il buongusto o la religione e le convinzioni di qualcuno» (…)

Continua la lettura sul Vernacoliere in edicola

oppure abbonati su shop.vernacoliere.com

I più letti

Barzellette scritte e disegnate

Un maresciallo de’ ’arabinieri è a r compiùte a scrive’ ‘na mèil. «Al Comando dell’Unità Cinofila Carabinieri, Roma. Si prega di mandare a questa stazione...

Falso invalido

Trombava coll’uccello moscio

Dopo 'r ceo che vedeva la Madonna, dopo 'r sordo che sonava a orecchio, dopo 'r monco che si faceva le seghe con du'...

LA LOCANDINA DI MAGGIO 2016

La nuova locandina del Vernacoliere di Maggio 2016

La nuova App del Troio

di Andrea Camerini
Articoli correlati

CORRUZIONE POLITICA

IL PD FA PULIZIA!

I candidati e le candidate all’elezioni
si dovranno lavà bene i piedi
e ’r buoderculo!
PER TOPE E UCCELLI
onniuno penzerà a’ cazzi sua!
La SHLÀIN: E CONTE stia zitto
perché ni puzza ’r fiato!

Bavaglio alla stampa,
Tivvù asservita,
cortei bastonati…

MACCHÉ FASCISMO! È CHE ’UN SI DEVE DISSENTÌ!

A chi apre bocca
manganellate ne’ denti
e senza rimborso per la dentiera!

Lega

GUERRA INTESTINALE FRA ZAIA E SARVINI

Vince chi fa lo
stronzolo più grosso!
Ma c’è un equivoco:
LA GUERRA ERA INTESTINA!

L'editoriale - Senza peli sulla lingua

UN LICEO DA ZITTIRE

DOSSIÉ
Un artro scandalo di Stato!

PIANTEDOSI FA LA SPIA ALLA MELONI! Ni dice chi è che ce l’ha su’ ’oglioni!

MEZZ’ITALIA NELLA LISTA!