27.9 C
Livorno
Home Articoli TRAMPE CIAVEVA DU’ ’AZZI NELLA TESTA!

OPERATO D’URGENZA!

TRAMPE CIAVEVA
DU’ ’AZZI NELLA TESTA!

Uno ni cel’hanno lasciato,
sennò poi ‘un ragionava più!

di Mario Cardinali
Tutti s’apettavano ‘na topa, e ‘nvece erano du ’azzi! Ma mìa du’ ‘azzi ‘osì alla bona! Du’ popò di fave, ciavevan du’ appelle parevan du’ paraaduti aperti!
– Boia, nemmeno Siffredi! – ha stronfiato ‘r chirurgo, che lui è d’origine italiana e certi affari li ‘onosce bene.
E come l’ha tirati fori, su uno c’era ‘na svàstia propio sulla punta!
– La cràssia testiazzo nazzista! – ha spiegato ‘r professore a’ su’ assistenti, tutti lì dattorno ar cranio di Trampe a boccaperta.
E sulla ‘appella di vell’artro uccellone c’era ‘nvece un nero a buoritto, ir tìpio tattuaggio de’ razzisti a signifià che loro a’ neri nielo buttano perappunto ‘n culo!
– E ora quale ni levo? – s’è grattato ‘r capo ‘r professore….

(Continua la lettura sul Vernacoliere in edicola, oppure  acquistalo scaricando la App gratuita del Vernacoliere dall’App Store per iOS, o da Google Play per Android).

I più letti

Barzellette scritte e disegnate

Un maresciallo de’ ’arabinieri è a r compiùte a scrive’ ‘na mèil. «Al Comando dell’Unità Cinofila Carabinieri, Roma. Si prega di mandare a questa stazione...

Falso invalido

Trombava coll’uccello moscio

Dopo 'r ceo che vedeva la Madonna, dopo 'r sordo che sonava a orecchio, dopo 'r monco che si faceva le seghe con du'...

LA LOCANDINA DI MAGGIO 2016

La nuova locandina del Vernacoliere di Maggio 2016

La nuova App del Troio

di Andrea Camerini
Articoli correlati