11.8 C
Livorno
Home Articoli SULLA FAVA ANCHE  'R CAPPOTTINO!

Sesso d'inverno
Ir guanto 'un basta più!

SULLA FAVA
ANCHE 
‘R CAPPOTTINO!

Sennò i brividi la fanno raggrinzì!

di Mario Cardinali

D’inverno si sa, ‘r freddo fa restringe’ tutto. E ‘n parecchi casi è l’uccello a rimpicciolì per i brividi. Che finché son brividi di godìo, te anzi stai dimorto bene e l’uccello anche meglio di te. Ma i brividi per ir diacciore son tremendi, la fava si ritira tutta fra le palle e ti pole doventà un mucchietto di pelle tutta raggrinzita, e te magari ‘un ce l’hai mìa più la voce de’ vent’anni per urlanni bello forte vieni fori, bella figura mi fai fa’!

  Di modo e maniera che la nota Casa der Cazzo, già produttrice delle famose prolunghe propio der cazzo per i pipi più ‘ntrovabili ner senzo che hai voglia di cercalli, frughi frughi ma ‘un vengano mai fori, e produttrice anche delle celebri stecche rinforzate coll’amido a manate per l’uccelli ciondoloni oramai ‘nzenzibili anche all’appelli disperati, ha messo ‘n commercio un rivoluzzionario cappottino per le fave  (…)

Continua la lettura sul Vernacoliere in edicola

I più letti

Barzellette scritte e disegnate

Un maresciallo de’ ’arabinieri è a r compiùte a scrive’ ‘na mèil. «Al Comando dell’Unità Cinofila Carabinieri, Roma. Si prega di mandare a questa stazione...

Falso invalido

Trombava coll’uccello moscio

Dopo 'r ceo che vedeva la Madonna, dopo 'r sordo che sonava a orecchio, dopo 'r monco che si faceva le seghe con du'...

LA LOCANDINA DI MAGGIO 2016

La nuova locandina del Vernacoliere di Maggio 2016

La nuova App del Troio

di Andrea Camerini
Articoli correlati

Prove per BERLUSCONI 
capo dello Stato     

L’ORGETTINE AR QUIRINALE  IN TOPA TRICOLORE!

Sconvorto Mattarella:
'UN AVEVO MAI VISTO 
TANTO PELO!

Ora 'un c'è più storie!

VACCINO: SI PRENOTA  ANCHE DIO!

La Madonna:
Vengo anch'io! <br/<I novàxe 'un sanno più 
a chi raccomandassi!

Sesso d'inverno
Ir guanto 'un basta più!

SULLA FAVA ANCHE  ‘R CAPPOTTINO!

Sennò i brividi la fanno raggrinzì!

Senza peli sulla lingua 

BERLUSCONI  SCIOPERI  E VACCINI