23.8 C
Livorno
Home Articoli SPARA AR GANZO DELLA MOGLIE SCAMBIATO PER UN LADRO

LEGITTIMA DIFESA
Di notte in casa sua

SPARA AR GANZO
DELLA MOGLIE
SCAMBIATO PER UN LADRO

Assorto perché le corna n’avevano
dato alla testa!

di Mario Cardinali
Lipperlì lo volevano condannà per porto abbusivo di corna esagerate, datosi che così grosse e appuntite ci voleva ‘r portodarmi. Ma quando lui n’ha fatto vedé ‘r tesserino di becco patentato, n’hanno detto ochèi, lì è a posto!
– Però dé, – ha osservato ‘r giudice – con quelle popò di ‘orna ni poteva da’ una testata, a quer disgraziato, ‘nvece di sparanni!
– Ma l’avevo preso per un ladro! Capirà, signor giudice, sono ritornato a casa verso mezzanotte, era tutto buio, ho sentito de’ rumori…
(Continua la lettura sul Vernacoliere in edicola, oppure  acquistalo scaricando la App gratuita del Vernacoliere dall’App Store per iOS, o da Google Play per Android).

I più letti

Barzellette scritte e disegnate

Un maresciallo de’ ’arabinieri è a r compiùte a scrive’ ‘na mèil. «Al Comando dell’Unità Cinofila Carabinieri, Roma. Si prega di mandare a questa stazione...

Falso invalido

Trombava coll’uccello moscio

Dopo 'r ceo che vedeva la Madonna, dopo 'r sordo che sonava a orecchio, dopo 'r monco che si faceva le seghe con du'...

LA LOCANDINA DI MAGGIO 2016

La nuova locandina del Vernacoliere di Maggio 2016

La nuova App del Troio

di Andrea Camerini
Articoli correlati