26.5 C
Livorno
Home Articoli SE POI LA DEMOCRAZIA NON TIENE

Senza peli sulla lingua

SE POI LA DEMOCRAZIA
NON TIENE

 

di Mario Cardinali

La democrazia l’abbiamo scritta sulla Carta, non sui muri di galere e di caserme. Come a S. Maria Capua Vetere nel 2020 – e se ne discute oggi! – o nella Genova del G8 nel 2001, per citare due fra i casi più esemplari.
Roba da “notte della democrazia” allora, roba da “macelleria messicana” oggi. Roba, sempre e comunque, da squadrismo fascista.
La violenza anche più bestiale come metodo di repressione e punizione, e d’ammonimento a non rialzare più la testa.
Come poi è tipico d’ogni regime antidemocratico, e non solo “fascista”. Ma in Italia la storia ci ha dato il fascismo, nella pratica e nella mentalità. Nel ventennio con le spedizioni punitive delle camicie nere, manganellate/assalti/incendi e omicidi contro i dissidenti, oggi con l’odio per l’anarchico e per il comunista (“zecche comuniste!”, “anarchici di merda!”) gridato con le manganellate nelle caserme e nelle galere dei torturatori insieme ai canti del ventennio, ai saluti romani, ai “viva il duce!” e agli “heil Hitler!”. Col tradizionale “puttana!” urlato alle donne, fatte inginocchiare col manganello brandito sui culi a simulacro di maschia dominazione (…)

Continua la lettura sul Vernacoliere in edicola

I più letti

Barzellette scritte e disegnate

Un maresciallo de’ ’arabinieri è a r compiùte a scrive’ ‘na mèil. «Al Comando dell’Unità Cinofila Carabinieri, Roma. Si prega di mandare a questa stazione...

Falso invalido

Trombava coll’uccello moscio

Dopo 'r ceo che vedeva la Madonna, dopo 'r sordo che sonava a orecchio, dopo 'r monco che si faceva le seghe con du'...

LA LOCANDINA DI MAGGIO 2016

La nuova locandina del Vernacoliere di Maggio 2016

La nuova App del Troio

di Andrea Camerini
Articoli correlati

73 euri

Stato e Mafia

Il mondo