22.1 C
Livorno
Home Senza peli sulla lingua RICORDI D'UNA SCUOLA

Senza peli sulla lingua

RICORDI D’UNA SCUOLA

di Mario Cardinali


E allora, in tutto questo gran riparlare di scuola tornato d’attualità in tempi di cambiamenti imposti dalla pandemia virale, ci sta che uno s’aggrappi ai ricordi personali per consolarsi con qualcosa che non sia il mettersi le mani fra i capelli.
Ricordi per me, allora, di maestri e professori d’un tempo per davvero andato. Un tempo di figure quasi deamicisiane, in quegli anni ’40 del primo dopoguerra, come il Giorgio Ginocchi alle elementari e la Luciana Serafini alle Medie.
Un maestro, il Ginocchi, che s’era messo quasi a piangere commosso quel giorno che in classe ebbe tra le mani la prima puntata del mio romanzo “I Vendicatori” pubblicato dal periodico “Il Martello”, organo degli operai del Cantiere dove babbo lavorava…

(Continua la lettura sul Vernacoliere in edicola, oppure abbonati su vernacoliere.com).

I più letti

Barzellette scritte e disegnate

Un maresciallo de’ ’arabinieri è a r compiùte a scrive’ ‘na mèil. «Al Comando dell’Unità Cinofila Carabinieri, Roma. Si prega di mandare a questa stazione...

Falso invalido

Trombava coll’uccello moscio

Dopo 'r ceo che vedeva la Madonna, dopo 'r sordo che sonava a orecchio, dopo 'r monco che si faceva le seghe con du'...

LA LOCANDINA DI MAGGIO 2016

La nuova locandina del Vernacoliere di Maggio 2016

La nuova App del Troio

di Andrea Camerini
Articoli correlati

Sotto l’ombrellone

Haute Couture

Cinesi