25.7 C
Livorno
Home Articoli RENZI VA IN CONVENTO

Dopo la batosta der PD all’amministrative

RENZI VA IN CONVENTO

N’hanno detto che lì si piglia i voti!

di Mario Cardinali

Renzi era lì allo specchio a rimirassi tutto ‘gnudo.
– Come sei bello! – ni diceva ar Matteo riflesso, ner mentre l’accarezzava tutto eccitato. – Tu fossi ‘na donna, ti tromberei!
– Eh, ma ti tromberei anch’io te! – ni rispondeva quell’artro, tutto appassionato.
E ner mentre si mandavano i bacini l’un coll’artro, ecco la Debora Serracchiani di rincorza, co’ resurtati dell’amministrative.
– Presidente Renzi, i Cinquestelle ce l’hanno messo ‘nculo!…

(Continua la lettura sul Vernacoliere in edicola, oppure  acquistalo scaricando la App gratuita del Vernacoliere dall’App Store per iOS, o da Google Play per Android).

I più letti

Barzellette scritte e disegnate

Un maresciallo de’ ’arabinieri è a r compiùte a scrive’ ‘na mèil. «Al Comando dell’Unità Cinofila Carabinieri, Roma. Si prega di mandare a questa stazione...

Falso invalido

Trombava coll’uccello moscio

Dopo 'r ceo che vedeva la Madonna, dopo 'r sordo che sonava a orecchio, dopo 'r monco che si faceva le seghe con du'...

LA LOCANDINA DI MAGGIO 2016

La nuova locandina del Vernacoliere di Maggio 2016

La nuova App del Troio

di Andrea Camerini
Articoli correlati

La situazione precipita!

VOCI D’UN CÓRPO DI STATO! VANNACCI IN CARRARMATO davanti ar Parlamento!

Poi ha forato e s’è fermato lì!
Ma resta arto ‘r tintinnìo di cingoli!

Allarme! C’È PIENO DI FASCISTI AR MARE!

L’acqua è doventata nera!
La gente s’interroga penzosa:
MA SORTANO DALLE FOGNE?

Oramai appare dappertutto!

GIORGIA COME PADRE PIO!

Derresto ni garbava ’r fascismo anc’a lui!

L'editoriale - Senza peli sulla lingua

MENTRE LA DESTRA PICCHIA E FILA COME UN TRENO