24.2 C
Livorno
Home ODIO E POMODORI
Array

L'editoriale Senza peli sulla lingua

ODIO E POMODORI

di Mario Cardinali

Chi semina odio raccoglie anche pomodori. Come Salvini, venuto il 22 aprile a provocare Livorno col suo razzismo nutrito di tanto sbandierato odio, accolto appunto a pomodorate, lanciate al grido di “siamo tutti clandestini”.
Provocazione piccola la sua, certo, e “giustificata” con la libertà d’una campagna elettorale. Ma veniva pur sempre, il provocatore leghista – insopportabilmente “fascista” per tanto popolo, oltre che razzista – in una Livorno popolare che l’insofferenza a certe provocazioni ce l’ha nel sangue.
Quella Livorno che nel 1960 – tanto per rievocare certe matrici d’un antifascismo antico, e non a caso c’era a quei tempi il governo del fascistissimo Tambroni, che provocherà poi i morti di Genova e di Reggio Emilia – scese in piazza ad accogliere in centro città le schiere dei parà della Folgore inneggianti canti fascisti e roteanti i cinturoni a minacciosa risposta per le botte prese da un commilitone che aveva infastidito una ragazza.  E quando, dopo i primi scontri con la gioventù labronica, i parà sparirono all’improvviso dal centro ed arrivarono ben più numerose e armate le colonne dei celerini in assetto antiguerriglia…

(Continua la lettura sul Vernacoliere in edicola, oppure  acquistalo scaricando la App gratuita del Vernacoliere dall’App Store per iOS, o da Google Play per Android).

I più letti

Barzellette scritte e disegnate

Un maresciallo de’ ’arabinieri è a r compiùte a scrive’ ‘na mèil. «Al Comando dell’Unità Cinofila Carabinieri, Roma. Si prega di mandare a questa stazione...

Falso invalido

Trombava coll’uccello moscio

Dopo 'r ceo che vedeva la Madonna, dopo 'r sordo che sonava a orecchio, dopo 'r monco che si faceva le seghe con du'...

LA LOCANDINA DI MAGGIO 2016

La nuova locandina del Vernacoliere di Maggio 2016

La nuova App del Troio

di Andrea Camerini
Articoli correlati

Sotto l’ombrellone

Haute Couture

Cinesi