22.1 C
Livorno
Home Articoli NERO VOLE LA STAMPELLA PER L'UCCELLO!

Immigrati

NERO VOLE LA STAMPELLA PER L’UCCELLO!

'Un ce la fa più a tenello su! SARVINI: PRIMA L'UCCELLI ITALIANI! Assieme s'arraffa meglio!

di Mario Cardinali

Quando l’hanno visto scende’ dar barcone con quer popò di gonfiore davanti, dice vai, sono ‘n due!

  – ‘Sa ciai lì sotto? – n’ha chiesto difatti ‘r pulizziotto ‘nsospettito. – Un bimbino?

  – No bimbino! Guesto mio uggello! – n’ha risposto ‘r senegalese, e l’ha tirato fori!

  Dé, ‘r fuggifuggi generale!

  – Un missile dell’Isis, un missile dell’Isis! – tutti a urlà, e tutti a buttassi per la terra colle mani ‘n capo!

  E ‘nvece no, era propio l’uccello di quer nero! Che come i pulizziotti si sono riavvicinati pianopiano per guardallo meglio, l’hanno toccato cor un bastone per vedé se reagiva!…

(Continua la lettura sul Vernacoliere in edicola, oppure  acquistalo scaricando la App gratuita del Vernacoliere dall’App Store per iOS, o da Google Play per Android).

I più letti

Barzellette scritte e disegnate

Un maresciallo de’ ’arabinieri è a r compiùte a scrive’ ‘na mèil. «Al Comando dell’Unità Cinofila Carabinieri, Roma. Si prega di mandare a questa stazione...

Falso invalido

Trombava coll’uccello moscio

Dopo 'r ceo che vedeva la Madonna, dopo 'r sordo che sonava a orecchio, dopo 'r monco che si faceva le seghe con du'...

LA LOCANDINA DI MAGGIO 2016

La nuova locandina del Vernacoliere di Maggio 2016

La nuova App del Troio

di Andrea Camerini
Articoli correlati

L'editoriale - Senza peli sulla lingua 

LA GUERRA PERBENE E IL CRIMINE FARABUTTO

GUERRA – L'ITALIA 
HA BISOGNO DI PIÙ ARMI

Aiutala anche te! DONA UN MISSILE ALLA PATRIA!

Chiama il 23 23 23
Con 9 euri ar mese ridarai
'r sorriso a un fottìo di
GENERALI E FABBRIANTI D'ARMI
orfani di guerra!

Polìtia – Grosso probrema a Italiaviva

A RENZI NI PUZZA ‘R FIATO!

Svenimenti fra chi ni sta vicino!
Lui dice è cattiva digestione 
ma vedrai è la ghigna a culo!

AR FINTO MATRIMONIO DI BERLUSCONI

ERA FINTO  ANCHE L’UCCELLO! 

Lei: "Perché, ci sono 
anche l'uccelli veri?!"