25.7 C
Livorno
Home Articoli MENTRE LA DESTRA PICCHIA E FILA COME UN TRENO

L'editoriale - Senza peli sulla lingua

MENTRE LA DESTRA PICCHIA
E FILA COME UN TRENO

 

di Mario Cardinali

E continuano a fare le faccette stupite, e addolorate pure, i cosiddetti maîtres à penser della Sinistra cosiddetta: ma davvero la Meloni, con quella dialettica da autorevole e pur rassicurante capo di governo, vuol arrivare col premierato a comandare tutto lei? Ma davvero ha detto che i parlamentari picchiatori di Lega e Fratelli d’Italia, pur così macroscopicamente squadristi nell’aggressione forsennata al cinquestelle Donno che voleva mettere un tricolore addosso a Calderoli, hanno solo reagito a una provocazione?
E davvero questa donna di successo così tanto accolta nei consessi internazionali gridava alla festa di Atreju “sono fiera di voi” ai ragazzi di Gioventù Nazionale, sui quali c’è poi voluta un’inchiesta del giornale online Fanpage per coglierli nei loro raduni “privati” con canti e saluti nazifascisti?
Ma guarda un po’ che storia, peccato davvero, prometteva così bene questa donna inneggiante a Dio Patria Famiglia, così familiarmente aperta al popolo nel gridargli sono una di voi, chiamatemi Giorgia…
E ci mancavano pure i picchiatori di Casapound, ora, a farsi vedere nell’aggredire a cielo aperto alcuni studenti di sinistra che a Roma avevano manifestato a difesa della Costituzione contro l’autonomia differenziata, con la Meloni lì per lì zitta ma si capiva bene che per lei vedrai s’era trattato d’un’altra provocazione, passare così sfacciatamente sotto gli occhi dei patrioti di Casapound…

Continua la lettura sul Vernacoliere in edicola
oppure abbonati su shop.vernacoliere.com

I più letti

Barzellette scritte e disegnate

Un maresciallo de’ ’arabinieri è a r compiùte a scrive’ ‘na mèil. «Al Comando dell’Unità Cinofila Carabinieri, Roma. Si prega di mandare a questa stazione...

Falso invalido

Trombava coll’uccello moscio

Dopo 'r ceo che vedeva la Madonna, dopo 'r sordo che sonava a orecchio, dopo 'r monco che si faceva le seghe con du'...

LA LOCANDINA DI MAGGIO 2016

La nuova locandina del Vernacoliere di Maggio 2016

La nuova App del Troio

di Andrea Camerini
Articoli correlati

La situazione precipita!

VOCI D’UN CÓRPO DI STATO! VANNACCI IN CARRARMATO davanti ar Parlamento!

Poi ha forato e s’è fermato lì!
Ma resta arto ‘r tintinnìo di cingoli!

Allarme! C’È PIENO DI FASCISTI AR MARE!

L’acqua è doventata nera!
La gente s’interroga penzosa:
MA SORTANO DALLE FOGNE?

Oramai appare dappertutto!

GIORGIA COME PADRE PIO!

Derresto ni garbava ’r fascismo anc’a lui!

L'editoriale - Senza peli sulla lingua

MENTRE LA DESTRA PICCHIA E FILA COME UN TRENO