21.4 C
Livorno
Home Articoli LA NOSTRA GUERRA CIVILE

L'editoriale - Senza peli sulla lingua

LA NOSTRA GUERRA CIVILE

 

di Mario Cardinali

Ora che le pompatissime orde dell’Isis, ben gonfiate anche da interessatissimi trafficanti d’armi e di petroli, si sono affacciate sull’Italia dalle sponde della Libia – già storica colonia fascista eretta sui massacri operati dalle truppe di Graziani – ora che insomma il barbaro musulmano torna a minacciare l’italico suolo, da molti s’ode gridare guerra! Guerra!

E mica son giovani soltanto, che di certo la guerra non l’hanno conosciuta e ancora non ne sanno gl’immensi lutti anche in casa propria. Ci sono pure dei vecchi, fra gl’inneggiatori al bellico cimento, incanutiti patrioti rievocanti perfino lacrimosi i morti addirittura del 15-18 e quelli del secondo macello mondiale, per rivendicare l’italico diritto a salvar la dignità della nazione…


(Continua la lettura sul Vernacoliere in edicola, oppure acquistalo scaricando la App gratuita del Vernacoliere dall’App Store per iOS, o da Google Play per Android).

I più letti

Barzellette scritte e disegnate

Un maresciallo de’ ’arabinieri è a r compiùte a scrive’ ‘na mèil. «Al Comando dell’Unità Cinofila Carabinieri, Roma. Si prega di mandare a questa stazione...

Falso invalido

Trombava coll’uccello moscio

Dopo 'r ceo che vedeva la Madonna, dopo 'r sordo che sonava a orecchio, dopo 'r monco che si faceva le seghe con du'...

LA LOCANDINA DI MAGGIO 2016

La nuova locandina del Vernacoliere di Maggio 2016

La nuova App del Troio

di Andrea Camerini
Articoli correlati

Sotto l’ombrellone

Haute Couture

Cinesi