22.3 C
Livorno
Home Articoli Il Vernacoliere mistico

a cura di don Mac

Il Vernacoliere mistico

Episodi biblici
– Il Maestro
Accorse al suo venire, le turbe gli si rivolsero chiamandolo Maestro.
«Padre» invocò Lui alzando gli occhi al cielo, «diglielo te che io oramai son Professore!» E come ne venne gran tuono dal cielo, le turbe se ne sbigottirono ammirate. (“Le Confessioni di Matteo: come mi garberebbe anche a me”, vademecum per aspiranti al Trono, Nuovo Senato Editore).
– Le corse
Troppe corse per le vie del Cielo, e Lui allora ci fece mettere i Semafori Celesti. Ma confondendosi col cielo, il celeste non si vedeva bene. E dopo un bel po’ di scontri, Lui li fece fare rossi. (“Chi non si ferma va all’inferno”, manuale per la guida dei fedeli a rottadicollo, edizioni Traffico in Parrocchia).
– La televisione
«Madre,» disse il Bambinello, «accendi la televisione». «Ma non è stata ancora inventata!» sbigottì la pia signora. E il bambino zà, alzò gli occhi al cielo ed ecco apparire uno schermo gigante, con schiere d’angioletti a ballare, serafini a suonare e cherubini a cantare. (“L’importanza delle Riforme anche lassù”, edizioni Rai nuova gestione Draghi).

I più letti

Barzellette scritte e disegnate

Un maresciallo de’ ’arabinieri è a r compiùte a scrive’ ‘na mèil. «Al Comando dell’Unità Cinofila Carabinieri, Roma. Si prega di mandare a questa stazione...

Falso invalido

Trombava coll’uccello moscio

Dopo 'r ceo che vedeva la Madonna, dopo 'r sordo che sonava a orecchio, dopo 'r monco che si faceva le seghe con du'...

LA LOCANDINA DI MAGGIO 2016

La nuova locandina del Vernacoliere di Maggio 2016

La nuova App del Troio

di Andrea Camerini
Articoli correlati

Sotto l’ombrellone

Haute Couture

Cinesi