14.6 C
Livorno
Home Articoli IL MOTORE DELLA CORRUZIONE

L'editoriale - Senza peli sulla lingua

IL MOTORE DELLA CORRUZIONE

di Mario Cardinali

Povero PD! Era lì in pieno travaglio ideologico a cercar se stesso, e chiedeva in giro “Mi avete mica visto da qualche parte?”, o vai che qualcuno ha detto sì sì, t’hanno beccato dalle parti del Qatargate!

  Nemmeno il tempo di riaversi dalla meravigliata sorpresa, ed eccogli addosso sfottò e versacci, povero PD, e tutti a dirgli me la saluti ora la superiorità morale della Sinistra!

  Perché la gente è credulona, credeva ancora che ci fosse una Sinistra, non pensava che anche il PD fosse diventato un partito neoliberale di politica e d’affari, e che la mitica memoria d’un Berlinguer fosse ormai roba d’altri tempi.

  E non lo sapeva mica, la gente, che la corruzione si chiama così soltanto quando deborda dai limiti di legge e di buonsenso, come buonsenso certo non era il farsi trovare valigette piene di contanti in casa, lo sanno anche i bimbi che prima regola del cittadino almeno un poco furbo è pensare non dico proprio alle Bahamas, roba da ricchi com’è, ma a qualche nascondiglio quantomeno fuorimano, una buca in terra, tò, che lì spesso la polizia non ci trova nemmeno i morti strangolati.

  E i limiti di legge, chi gliene parla alla gente? Mica lo sanno, i comuni mortali, che anche il Parlamento Europeo è pieno di lobbisti (ce ne son dodicimila ufficialmente accreditati a Bruxelles), quella gente cioè che va a far gl’interessi delle grandi aziende produttrici specialmente d’armi, di roba alimentare e d’energia, e mica li convincono a discorsi o a mazzi di fiori i deputati che possono far certi favori… (…)

Continua la lettura sul Vernacoliere in edicola

oppure abbonati su shop.vernacoliere.com

I più letti

Barzellette scritte e disegnate

Un maresciallo de’ ’arabinieri è a r compiùte a scrive’ ‘na mèil. «Al Comando dell’Unità Cinofila Carabinieri, Roma. Si prega di mandare a questa stazione...

Falso invalido

Trombava coll’uccello moscio

Dopo 'r ceo che vedeva la Madonna, dopo 'r sordo che sonava a orecchio, dopo 'r monco che si faceva le seghe con du'...

LA LOCANDINA DI MAGGIO 2016

La nuova locandina del Vernacoliere di Maggio 2016

La nuova App del Troio

di Andrea Camerini
Articoli correlati

L'editoriale - Senza peli sulla lingua

IL MOTORE DELLA CORRUZIONE

Agenda Meloni
POLIZIA MORALE
anticomunista!    

TAGLIANO L’UCCELLO A CHI CIA’ LA CAPPELLA ROSSA!

E stiacciano le palle
a chi ’un ce l’ha nere!

Qatarghèit

LA MAFIA QUERELA ’R PARLAMENTO UROPEO!    

“Ci rubano ’l lavoro!”

Ortraggio alla demograzzia!

GIGANTESCO RUTO SPETTINA SGARBI!

Era lì che ragionava, n’è arrivata
‘na fiatata l’ha sdraiato!