24.8 C
Livorno
Home Articoli IL BLOCCO NAVALE

Senza peli sulla lingua 

IL BLOCCO NAVALE

di Mario Cardinali

Il 28 marzo 1997, al culmine d’un’annosa serie di sbarchi sulle coste pugliesi di migliaia di fuggitivi da un’Albania nel caos dopo la fine del comunismo in Russia, nel canale d’Otranto una vecchia piccola imbarcazione stracarica d’un’altra caterva di quei disgraziati, donne e bambini soprattutto, andò a fondo nella collisione con la corvetta Sibilia della Marina militare italiana, incaricata con altre unità di bloccare comunque l’esodo albanese.

 108 di quegli “straccioni” come venivano comunemente definiti in  quell’Italia guidata dal governo Prodi sparirono sott’acqua, su 142  a bordo. Fu una vera e propria strage d’innocenti (…)

Continua la lettura sul Vernacoliere in edicola oppure abbonati su shop.vernacoliere.com

I più letti

Barzellette scritte e disegnate

Un maresciallo de’ ’arabinieri è a r compiùte a scrive’ ‘na mèil. «Al Comando dell’Unità Cinofila Carabinieri, Roma. Si prega di mandare a questa stazione...

Falso invalido

Trombava coll’uccello moscio

Dopo 'r ceo che vedeva la Madonna, dopo 'r sordo che sonava a orecchio, dopo 'r monco che si faceva le seghe con du'...

LA LOCANDINA DI MAGGIO 2016

La nuova locandina del Vernacoliere di Maggio 2016

La nuova App del Troio

di Andrea Camerini
Articoli correlati