11.1 C
Livorno
Home Articoli IL BEATIFICATO DI STATO E LA GIUSTIZIA LORO

L'editoriale - Senza peli sulla lingua

IL BEATIFICATO DI STATO
E LA GIUSTIZIA LORO

di Mario Cardinali

Che lo abbiano subito santificato i suoi non fa certo meraviglia. I suoi, dalle elette schiere dei suoi più o meno comprati parlamentari, alle sue puttane – escort fa più fine, o magari olgettine – pagatissime al servizio sessuale suo e dei suoi convitati a festini ed orge, fino al suo popolo multiforme, dai beceranti tifosi di pallone ai teledipendenti appassionati in specie di Mariafilippi, d’isole dei famosi e di tanta simile tivvù berlusconiana, puppe e culi all’aria e tanta pòtta a far eccitare moltitudini di segaioli e tante storie strappalacrime a resuscitare ataviche emozioni in casalinghe a schiere.
Tutta sua gente, infine, che ha ben accolto in sentita partecipazione il lutto nazionale imposto urbi et orbi dal solidale governo della sua Destra, quand’anche più d’anima fascista che d’ispirazione liberale.
No, non ci meraviglia la santificazione pronta e servita di Silvio Berlusconi, il già Cavaliere e Caimano, imprenditore d’oscure origini e frequentazioni e di patenti gesta politiche, dallo sdoganamento dei fascisti alla tentata riforma costituzionale in chiave autoritaria, a far da antesignano al Renzi suo duttile imitante. E nel dì del funerale di Stato siamo stati del resto chiamati, seppure contestando, a soffocar l’indignazione per cotanto lutto nazionale in nome della pietà per il trapassato.
Ché poi era, a ben vedere, lo Stato che celebrava se stesso, un Duomo addobbato a grandiosa cerimonia di potere stracolmo di potere e di poteri (…)

Continua la lettura sul Vernacoliere in edicola
oppure abbonati su shop.vernacoliere.com

I più letti

Barzellette scritte e disegnate

Un maresciallo de’ ’arabinieri è a r compiùte a scrive’ ‘na mèil. «Al Comando dell’Unità Cinofila Carabinieri, Roma. Si prega di mandare a questa stazione...

Falso invalido

Trombava coll’uccello moscio

Dopo 'r ceo che vedeva la Madonna, dopo 'r sordo che sonava a orecchio, dopo 'r monco che si faceva le seghe con du'...

LA LOCANDINA DI MAGGIO 2016

La nuova locandina del Vernacoliere di Maggio 2016

La nuova App del Troio

di Andrea Camerini
Articoli correlati

DOSSIÉ
Un artro scandalo di Stato!

PIANTEDOSI FA LA SPIA ALLA MELONI! Ni dice chi è che ce l’ha su’ ’oglioni!

MEZZ’ITALIA NELLA LISTA!

GIALLO!
Dopo le botte di Pisa

FASCISTA TROVATO COR MANGANELLO ’NCULO!

Ni ce l’hanno ficcato
o ha fatto tutto da sé?

GUERRA!
La Ducessa esorta alla prova virile

TUTTI RITTI CONTRO ’R MURO SI FARÀ A CHI L’HA PIÙ DURO!

MATTARELLA: Artri tempi!

L'editoriale - Senza peli sulla lingua

Maledetti!

I misteri della Presidente

MELONI BIONDA SOPRA MA SOTTO È NERA!

Ora l’Europa la vole vedé!