25 C
Livorno
Home Articoli I POVERI SUI COGLIONI

Senza peli sulla lingua 

I POVERI SUI COGLIONI

di Mario Cardinali

Allora, c’è a giro un’aria tale d’insofferenza per i poveri… Sì, i poveri, quei circa sei milioni d’indigenti – si dice così, fa più bon ton – che non sanno come mettere insieme il pranzo con la cena, ammesso che possano cenare. Poveri insomma d’una povertà assoluta, che solo a pensarci ti vengono le bolle per l’insofferenza a pelle, un fastidio profondo a dover sentir parlare di loro, quando se ne parla. 

  Un clima d’odio addirittura, dice qualcuno, qualcosa quasi di classista. Come se oggi, al tempo dei Migliori tanto osannati, debbano per contrasto starci forte forte sui coglioni i Peggiori, a dar significato alla società del neoliberismo trionfante.

  Questione da tenere però sottobanco, a non rompere l’ordinata scaletta di ciò di cui si deve dar notizia, in televisione soprattutto. Dove di certa povera gente, se non sono vittime d’alluvioni o terremoti, non si parla quasi mai (…)

Continua la lettura sul Vernacoliere in edicola 

I più letti

Barzellette scritte e disegnate

Un maresciallo de’ ’arabinieri è a r compiùte a scrive’ ‘na mèil. «Al Comando dell’Unità Cinofila Carabinieri, Roma. Si prega di mandare a questa stazione...

Falso invalido

Trombava coll’uccello moscio

Dopo 'r ceo che vedeva la Madonna, dopo 'r sordo che sonava a orecchio, dopo 'r monco che si faceva le seghe con du'...

LA LOCANDINA DI MAGGIO 2016

La nuova locandina del Vernacoliere di Maggio 2016

La nuova App del Troio

di Andrea Camerini
Articoli correlati

La situazione precipita!

VOCI D’UN CÓRPO DI STATO! VANNACCI IN CARRARMATO davanti ar Parlamento!

Poi ha forato e s’è fermato lì!
Ma resta arto ‘r tintinnìo di cingoli!

Allarme! C’È PIENO DI FASCISTI AR MARE!

L’acqua è doventata nera!
La gente s’interroga penzosa:
MA SORTANO DALLE FOGNE?

Oramai appare dappertutto!

GIORGIA COME PADRE PIO!

Derresto ni garbava ’r fascismo anc’a lui!

L'editoriale - Senza peli sulla lingua

MENTRE LA DESTRA PICCHIA E FILA COME UN TRENO