30.3 C
Livorno
Home Articoli GUINZAGLIO ANCHE A SARVINI!

DOPO LA SALIS

GUINZAGLIO
ANCHE
A SARVINI!

Nielo vole mette’ Giorgia
per agguantallo meglio!

di Mario Cardinali

Ma ‘un è mìa giusto che quer povero Orban ‘un sii padrone d’esse’ comprenzivo co’ nazzisti che lì ’n Ungheria c’è sempre pieno anche dopo la fine der terzo Reich!

  ‘Un fa a tempo a salutà anche lui a braccio teso, che già quarche linguaccia ni dice nazzista anc’a lui!

  Tantevvero la Meloni che con lui cià sempre fatto linguanbocca n’ha detto ‘un te la piglià, Vittorio, tanto poi fra me fascista e te nazzista vedrai come si fanno rigà diritte, tutte veste zecche ‘omuniste che ci succhiano ‘r nostro sangue ariano!

  E già che  era ar telefano, n’ha fatto una domanda deliata:

  – Senti un po’, Vittorio (che a dire ‘r vero Orban si ’iama Victor ma lei ni dice Vittorio e anche Vittorino tutta ‘n confidenza), ma te ce l’avresti un guinzaglio, tipo la ‘atena  che n’hai messo ar collo alla Salis e seddercaso anche i lucchetti a’ piedi e alle mani, paripari propio com’a lei? (…)

Continua la lettura sul Vernacoliere in edicola 

oppure abbonati su shop.vernacoliere.com

I più letti

Barzellette scritte e disegnate

Un maresciallo de’ ’arabinieri è a r compiùte a scrive’ ‘na mèil. «Al Comando dell’Unità Cinofila Carabinieri, Roma. Si prega di mandare a questa stazione...

Falso invalido

Trombava coll’uccello moscio

Dopo 'r ceo che vedeva la Madonna, dopo 'r sordo che sonava a orecchio, dopo 'r monco che si faceva le seghe con du'...

LA LOCANDINA DI MAGGIO 2016

La nuova locandina del Vernacoliere di Maggio 2016

La nuova App del Troio

di Andrea Camerini
Articoli correlati

La situazione precipita!

VOCI D’UN CÓRPO DI STATO! VANNACCI IN CARRARMATO davanti ar Parlamento!

Poi ha forato e s’è fermato lì!
Ma resta arto ‘r tintinnìo di cingoli!

Allarme! C’È PIENO DI FASCISTI AR MARE!

L’acqua è doventata nera!
La gente s’interroga penzosa:
MA SORTANO DALLE FOGNE?

Oramai appare dappertutto!

GIORGIA COME PADRE PIO!

Derresto ni garbava ’r fascismo anc’a lui!

L'editoriale - Senza peli sulla lingua

MENTRE LA DESTRA PICCHIA E FILA COME UN TRENO