25.7 C
Livorno
Home Articoli FUROREGGIA LA TROMBATA PERDIDIETRO

Coronavirus - Cambia anche l'amore
Per non rischiare il faccia a faccia

FUROREGGIA
LA TROMBATA
PERDIDIETRO

Ma c'è chi sbaglia buo
e allora son dolori!

di Mario Cardinali
Dé, è cambiato sì anche l‘amore, a dové sta’ distanti un metro perfino per trombà! Me lo trovi, te, quarcuno coll’uccello così lungo!
C’è chi cià provato, a stioccassi la prolunga, ma dice a quer modo ‘un si sente nulla, né te cor cannello di gomma ‘nfilato sull’uccello, né lei che ‘r cannello ti dice portalo ar budello di tu’ ma’!
Sicché dé, ora va alla grande la trombata di schiena, cor coronavìrusse, per ‘un rischià di stare faccia a faccia! Che a dire ‘r vero le mogli ci si son sempre messe, rigirate sur un fianco, quando ‘r su’ marito vor pipà e a loro ‘un ni passa neanche per la testa ma per amor di pace ni dìano vieni, giù, e ni fanno fa’ ‘na ‘nzuppatina veloce perdidietro, che lui dà tre o quattro bottedi rincorza, mugola un po’, eppoi si leva di ‘ulo scariàto…

https://vernacoliere.com/wp-content/uploads/2020/04/Aprile-2020.pdf

I più letti

Barzellette scritte e disegnate

Un maresciallo de’ ’arabinieri è a r compiùte a scrive’ ‘na mèil. «Al Comando dell’Unità Cinofila Carabinieri, Roma. Si prega di mandare a questa stazione...

Falso invalido

Trombava coll’uccello moscio

Dopo 'r ceo che vedeva la Madonna, dopo 'r sordo che sonava a orecchio, dopo 'r monco che si faceva le seghe con du'...

LA LOCANDINA DI MAGGIO 2016

La nuova locandina del Vernacoliere di Maggio 2016

La nuova App del Troio

di Andrea Camerini
Articoli correlati

La situazione precipita!

VOCI D’UN CÓRPO DI STATO! VANNACCI IN CARRARMATO davanti ar Parlamento!

Poi ha forato e s’è fermato lì!
Ma resta arto ‘r tintinnìo di cingoli!

Allarme! C’È PIENO DI FASCISTI AR MARE!

L’acqua è doventata nera!
La gente s’interroga penzosa:
MA SORTANO DALLE FOGNE?

Oramai appare dappertutto!

GIORGIA COME PADRE PIO!

Derresto ni garbava ’r fascismo anc’a lui!

L'editoriale - Senza peli sulla lingua

MENTRE LA DESTRA PICCHIA E FILA COME UN TRENO