20.1 C
Livorno
Home Articoli CON I PREZZI E CON LA VITA

L'editoriale - Senza peli sulla lingua

CON I PREZZI
E CON LA VITA

 

di Mario Cardinali

Un sacco di tempo fa quella buonanima di Tito Livio ammoniva che ”dum Romae consulitur, Saguntum expugnatur”: mentre a Roma si chiacchiera, Sagunto viene espugnata.
Molti secoli dopo un adagio popolare sintetizzava col dire che “i discorsi ‘un fanno farina”.
Oggi si potrebbe contestualizzare il tutto col ricordare, sempre popolarmente, che “i politici sbavano e i prezzi aumentano”.
Il carovita galoppante, insomma. E come galoppa, mentre governanti e opposizioni seguitano a parlare, parlare, parlare… Gli uni con la prepotenza dei padroni finalmente nuovi a prendersi tutto loro oggi, gli altri con l’arroganza dei padroni che si pigliavan tutto loro ieri.
E intanto un galoppo sfrenato, quello dei prezzi, sfrenatamente incontrollato: il capitalismo in una delle sue avanzate realizzazioni più esemplari, il neoliberismo dei mercati in mano alla speculazione più selvaggia e più selvaggiamente e indisturbatamente perseguita, “è il mercato” come vera dottrina economica del capitale teso comunque alla moltiplicazione di se stesso, o farina o bombe è uguale, basta che i listini di borsa continuino a ingrassare.
E io pago!, esclamava Totò al cine, un quidam de populo, seppure assai borghese, a sintetizzare anch’egli l’essenza di questa libertà.
Come diceva quel tale? “Libertà, libertà, quanti delitti si compiono nel tuo nome!”
Ché ognuno se l’intende a modo suo, la libertà. E a suo modo intende i delitti, a suo interesse manipolando anche codici e pandette (…)
Continua la lettura sul Vernacoliere in edicola
oppure abbonati su shop.vernacoliere.com

I più letti

Barzellette scritte e disegnate

Un maresciallo de’ ’arabinieri è a r compiùte a scrive’ ‘na mèil. «Al Comando dell’Unità Cinofila Carabinieri, Roma. Si prega di mandare a questa stazione...

Falso invalido

Trombava coll’uccello moscio

Dopo 'r ceo che vedeva la Madonna, dopo 'r sordo che sonava a orecchio, dopo 'r monco che si faceva le seghe con du'...

LA LOCANDINA DI MAGGIO 2016

La nuova locandina del Vernacoliere di Maggio 2016

La nuova App del Troio

di Andrea Camerini
Articoli correlati

CORRUZIONE POLITICA

IL PD FA PULIZIA!

I candidati e le candidate all’elezioni
si dovranno lavà bene i piedi
e ’r buoderculo!
PER TOPE E UCCELLI
onniuno penzerà a’ cazzi sua!
La SHLÀIN: E CONTE stia zitto
perché ni puzza ’r fiato!

Bavaglio alla stampa,
Tivvù asservita,
cortei bastonati…

MACCHÉ FASCISMO! È CHE ’UN SI DEVE DISSENTÌ!

A chi apre bocca
manganellate ne’ denti
e senza rimborso per la dentiera!

Lega

GUERRA INTESTINALE FRA ZAIA E SARVINI

Vince chi fa lo
stronzolo più grosso!
Ma c’è un equivoco:
LA GUERRA ERA INTESTINA!

L'editoriale - Senza peli sulla lingua

UN LICEO DA ZITTIRE

DOSSIÉ
Un artro scandalo di Stato!

PIANTEDOSI FA LA SPIA ALLA MELONI! Ni dice chi è che ce l’ha su’ ’oglioni!

MEZZ’ITALIA NELLA LISTA!