24.1 C
Livorno
Home Articoli BARRICATE DI MISERIA

L'editoriale
Senza peli sulla lingua

BARRICATE DI MISERIA

di Mario Cardinali


Ogni volta che mi scriveva i suoi sfoghi, quel Giulio anarchico da Firenze, concludeva inappellabile con “tremenda arriverà la rivoluzione”.
E chissà che non arrivi infine, quella mitica catartica rivoluzione, in questi tempi d’una pandemia che, arricchendo ancor di più i tanti già straricchi, ha moltiplicato a milioni i poveri assoluti – quelli che se non vanno alla Caritas non mettono nulla sotto i denti – e i poveri relativi, che non riescono a mettere insieme il pranzo con la cena.
E sarà una rivoluzione da poveracci, allora, schiere d’allezziti a fare barricate di miseria accatastando in strada bollette da pagare, cartelle della tasse, conti delle botteghe, lettere di licenziamento, avvisi di sfratto e tant’altri materiali di quell’unica abbondanza che i disgraziati possono vantare…

Continua la lettura sul Vernacoliere in edicola

I più letti

Barzellette scritte e disegnate

Un maresciallo de’ ’arabinieri è a r compiùte a scrive’ ‘na mèil. «Al Comando dell’Unità Cinofila Carabinieri, Roma. Si prega di mandare a questa stazione...

Falso invalido

Trombava coll’uccello moscio

Dopo 'r ceo che vedeva la Madonna, dopo 'r sordo che sonava a orecchio, dopo 'r monco che si faceva le seghe con du'...

LA LOCANDINA DI MAGGIO 2016

La nuova locandina del Vernacoliere di Maggio 2016

La nuova App del Troio

di Andrea Camerini
Articoli correlati