28.1 C
Livorno
Home Articoli Aspettando i militari

L'editoriale - Senza peli sulla lingua

Aspettando i militari

 

di Mario Cardinali

Tempo fa, passeggiando in quel di Montenero, sentivo davanti un gruppetto d’uomini d’una certa età – dall’accento di Toscana interna, probabilmente fedeli diretti al Santuario – che si scambiavano discorsi sulla situazione d’oggi.

E uno fa: «Ho letto sul giornale (e non ho capito se parlava proprio del Giornale o d’un altro quotidiano) un articolo che diceva che ormai, fallita la rivoluzione comunista, fallita la rivoluzione socialista, è l’ora della rivoluzione liberale. Ma come siamo messi oggi, con tutto questo macello a giro, è ancora presto, la politica non ce la fa. Intanto però si potrebbe dare il potere ai militari, per metterle loro le cose un po’ a posto».

E mentre mi si principiava ad accapponar la pelle,…


(Continua la lettura sul Vernacoliere in edicola oppure acquistalo su App Store e Google Play.)

I più letti

Barzellette scritte e disegnate

Un maresciallo de’ ’arabinieri è a r compiùte a scrive’ ‘na mèil. «Al Comando dell’Unità Cinofila Carabinieri, Roma. Si prega di mandare a questa stazione...

Falso invalido

Trombava coll’uccello moscio

Dopo 'r ceo che vedeva la Madonna, dopo 'r sordo che sonava a orecchio, dopo 'r monco che si faceva le seghe con du'...

LA LOCANDINA DI MAGGIO 2016

La nuova locandina del Vernacoliere di Maggio 2016

La nuova App del Troio

di Andrea Camerini
Articoli correlati

Trovata una sega

Asylo

Giuovani Bagnanti