33.8 C
Livorno
Home Articoli ARTRO CHE MATTARELLA! CI VOLEVA UN GHÈI!

A Capo dello Stato

ARTRO CHE MATTARELLA!
CI VOLEVA UN GHÈI!

Un popolo che lo piglia fisso
ner buo 'un poteva esse' rappresentato meglio!

 

di Mario Cardinali

‘E ‘nzomma c’è voluto ‘r sagrificio di Mattarella per riavé un Capo dello Stato! E sì lui niel’aveva detto e ridetto a quelli de’ partiti, mi son rotto ‘ ‘oglioni d’andà sempre a accomodà le ‘orone a‘ monumenti, ‘un ne posso più di dové sta’ tutto serio quando i novi ministri mi vengano a giurà davanti di volé fa’ le persone ammodo, mi sono stufato di dové sempre legge’ con quer tono tutto solenne i discorzi alla televisione, che poi mi tocca provalli e riprovalli un fottìo di vorte prima d’andà ‘n onda, alla mi’ età è ‘na fatiaccia…
E ‘nzomma ‘un vedeva l’ora d’andà ‘n penzione anche lui, povero Sergio, a gioà magari a carte ar circolino dell’Arci assieme all’artri penzionati! Gioà di pòo, beninteso, tuttarpiù un mezzolitro (…)

Continua la lettura sul Vernacoliere in edicola

I più letti

Barzellette scritte e disegnate

Un maresciallo de’ ’arabinieri è a r compiùte a scrive’ ‘na mèil. «Al Comando dell’Unità Cinofila Carabinieri, Roma. Si prega di mandare a questa stazione...

Falso invalido

Trombava coll’uccello moscio

Dopo 'r ceo che vedeva la Madonna, dopo 'r sordo che sonava a orecchio, dopo 'r monco che si faceva le seghe con du'...

LA LOCANDINA DI MAGGIO 2016

La nuova locandina del Vernacoliere di Maggio 2016

La nuova App del Troio

di Andrea Camerini
Articoli correlati

L'editoriale - Senza peli sulla lingua 

LA GUERRA PERBENE E IL CRIMINE FARABUTTO

GUERRA – L'ITALIA 
HA BISOGNO DI PIÙ ARMI

Aiutala anche te! DONA UN MISSILE ALLA PATRIA!

Chiama il 23 23 23
Con 9 euri ar mese ridarai
'r sorriso a un fottìo di
GENERALI E FABBRIANTI D'ARMI
orfani di guerra!

Polìtia – Grosso probrema a Italiaviva

A RENZI NI PUZZA ‘R FIATO!

Svenimenti fra chi ni sta vicino!
Lui dice è cattiva digestione 
ma vedrai è la ghigna a culo!

AR FINTO MATRIMONIO DI BERLUSCONI

ERA FINTO  ANCHE L’UCCELLO! 

Lei: "Perché, ci sono 
anche l'uccelli veri?!"