20.1 C
Livorno
Home Articoli Urtime notizie freschefresche, guasi diacce marmate

Urtime notizie freschefresche, guasi diacce marmate

Sconcertante episodio alle Poste centrali. Sorpresa a grattarsi le palle, un’impiegata ha detto non trattarsi delle sue.

La Direzione postale cerca ora di capire se  le palle grattate rientravano comunque nella disponibilità della dipendente, o se qualcuno gliele aveva messe in mano senza alcun permesso.

Capitato per caso in mezzo a una dimostrazione di disoccupati in piazza e come loro manganellato dalla polizia, un cittadino ha poi dimostrato che lui non era un disoccupato bensì uno statale a zonzo per i fatti suoi, ed ha ricevuto le scuse del ministro Alfano.

 Nel mentre sortiva tutto ignudo dalla doccia, Rocco Siffredi s’è inciampato nell’uccello, è cascato di patta e s’è rotto la testa di cazzo.

 A un genovese che sotto il diluvio stava smoccolando “Diopor… che tempo di merda!” è apparso Dio in persona che gli ha detto “Dé, lo fai meglio te!”

 Grave episodio d’indisciplina nella locale caserma dei carabinieri. Alla terza volta che lo sentiva dire “il capitano è una testa di cazzo”, il capitano stesso ha messo un appuntato in cella di rigore, urlandogli “o vediamo se la smetti!”.

Recatosi dopo una settimana a guardare dallo spioncino, il capitano ha visto l’appuntato con l’uccello in mano, al quale aveva legato uno spago, fissato all’altra estremità al cucchiaio del rancio. E col cucchiaio all’orecchio l’appuntato andava ripetendo come un mantra “Pronto? Parlo col capitano?… Pronto, parlo col capitano?”.

Recatosi dal colonnello a chiedere cosa fare, il capitano s’è sentito dire “intanto gli risponda, poi si vede!”

 Licenziato senza preavviso, un operaio è ritornato a casa sorprendendo la moglie con un tizio a letto. Fuggito disperato, ha incontrato per la strada la giovane figlia che si bucava, e più in là il figlioletto che lo bucavano. “Ma m’importa una sega!” s’è messo a urlare il poveretto a quel punto, in un inspiegabile stato d’euforia. E mentre un’ambulanza lo portava via, ha anche gridato “Forza Renzi, pensaci te!”

I più letti

Barzellette scritte e disegnate

Un maresciallo de’ ’arabinieri è a r compiùte a scrive’ ‘na mèil. «Al Comando dell’Unità Cinofila Carabinieri, Roma. Si prega di mandare a questa stazione...

Falso invalido

Trombava coll’uccello moscio

Dopo 'r ceo che vedeva la Madonna, dopo 'r sordo che sonava a orecchio, dopo 'r monco che si faceva le seghe con du'...

LA LOCANDINA DI MAGGIO 2016

La nuova locandina del Vernacoliere di Maggio 2016

La nuova App del Troio

di Andrea Camerini
Articoli correlati

Sotto l’ombrellone

Haute Couture

Cinesi